Crowdfunding

Facciamo Crowdfunding: chi, cosa e perché

Il crowdfunding è ormai un importante strumento di finanziamento a cui può accedere una startup: mentre da una parte è sempre più difficile avere credito dalle banche, dall’altra la Rete in poco tempo può decretare il successo di un qualsiasi progetto, negli ambiti più disparati. Operando nell’ambito della Sharing Economy (qui il nostro ultimo intervento), per noi di CLACSOON ci sembra naturale rivolgerci alla collettività per promuovere l’innovazione ed il cambiamento sociale che pensiamo possa portare la nostra applicazione. CLACSOON infatti fa parte di quella categoria di servizi collaborativi che mettono in contatto le persone per condividere, scambiare o vendere. Come osservava Marta Mainieri fondatrice di Collaboriamo.org, in un articolo di qualche tempo fa su Che Futuro, “i servizi collaborativi italiani per crescere hanno bisogno di aiuti economici necessari per investire nella progettazione e promozione del servizio”. Dunque, perché non cercare collaborazione nella promozione della nostra piattaforma collaborativa?

Word Cloud "Crowd Funding"

Parlando in generale, arriva il momento nel quale una startup deve scegliere una piattaforma di crowdfunding alla quale rivolgersi, cioè una piattaforma web che facilita il processo di raccolta fondi, collegando la domanda di finanziamento con i supporters che credono negli imprenditori e nel loro progetto. Oltre a portare finanziamenti, una campagna di crowdfunding può portaci numerosi altri benefici: migliorare il nostro profilo e aumentare la nostra reputazione, fornirci tanti feedback sull’applicazione e sul marketing della stessa, creare un engagement con l’audience. Di contro, vi sono anche rischi in cui si può incorrere: fra tutti, vi è, infatti, la possibilità di non centrare gli obiettivi della campagna oppure di non generare abbastanza interesse nella collettività. E nel caso siano raggiunti gli obiettivi finanziari della compagna, comunque bisognerà fornire prova di ciò che si è promesso e dimostrare che la fiducia acquisita dai finanziatori sia ampiamente recuperata con i risultati attesi. Molto spesso è infatti più facile raccogliere soldi per un progetto, che poi realizzarlo veramente!

crowdfunding

Vi sono varie tipologie di piattaforme di crowdfunding: quelle reward-based, donation-based, lending-based, equity-based. In Italia vi è una sessantina di piattaforme di crowdfunding, la maggior parte delle quali utilizza il modello reward-based, ossia quello per cui è possibile partecipare al finanziamento di un progetto ricevendo in cambio un premio o una specifica ricompensa non in denaro. Vi è poi un proliferare di piattaforme verticali, che si dedicano soltanto a progetti riguardanti un particolare settore di mercato (settoriali), o un particolare territorio geografico (territoriali). Molto spesso, i progetti più seguiti sono proprio quelli che riguardano il sociale o la creatività. Va quindi attuata una vera e propria due diligence da parte della startup per individuare la piattaforma fra le tante che meglio potrà aiutarla nei propri obiettivi. Ecco dieci piattaforme usabili dall’Italia, dunque comprendenti anche alcune piattaforme straniere. Quale scegliere?

 

IndieGoGo a differenza di molte altre piattaforme, non pratica il sistema “all or nothing”: se non raggiungete il plafond richiesto per il vostro progetto, potete comunque usare i fondi accumulati. E’ disponibile per chiunque, da qualsiasi parte del mondo

Eppela è una piattaforma di reward-based crowdfunding fondata nella seconda metà del 2011. Permette di finanziarie progetti innovativi e creativi nei campi di arte, tecnologia, cinema, design, musica, fumetto, innovazione sociale, scrittura, moda, no profit.

Crowdfunder è un sito in cui è possibile raccogliere fondi nei diversi tipi di crowdfunding, equity, donation, reward based. Si definisce un social network di finanziamento, attualmente conta oltre 20.000 utenti registrati tra imprenditori e finanziatori.

Musicraiser è una piattaforma di crowdfunding reward-based esclusivamente dedicata alla musica. Fondata dal cantante dei Marta Sui Tubi, Giovanni Gulino, e dalla compagna dj e producer Tania Varuni, la piattaforma è stata lanciata a ottobre 2012 e accetta progetti di raccolta fondi per dischi, tour promozionali, videoclip, concerti, festival e tutto ciò che ha a che fare con la musica.

Starteed  è un sito di crowdfundingequity-based che aiuta le persone a finanziare le proprie idee grazie al supporto finanziario e sociale della Community di Starteed, fondata a fine 2011 da Claudio Bedino, lanciata a settembre 2012. La piattaforma integra la campagna di crowdfunding con tutte le fasi successive dello sviluppo e vendita del prodotto, offrendo al creatore la possibilità di vendere il proprio prodotto sulla piattaforma.

Siamosoci è un altro sito di crowdfunding equity-based. È un marketplace for startup, un “motore di ricerca che permette agli investitori di trovare aziende di cui comprendono il business”. Tramite la piattaforma, le aziende non quotate possono raccogliere capitali da investitori privati per finanziare la crescita, facilitando anche la creazione di “club deals” (investimenti di gruppo) tra investitori con diverse professionalità.

Youcapital una struttura non- profit del tipo donation-based crowfunding, realizzata dall’ Associazione Culturale Pulitzer, che ha l’ obiettivo di promuovere strumenti e attività a sostegno della progettualità individuale e di gruppo, nel mondo del giornalismo, dell’ informazione e della comunicazione.

Produzioni dal basso è ritenuta la prima piattaforma di crowdfunding in Italia, fondata nel 2005 da Angelo Rindone, Lo scopo della piattaforma è quello di “offrire uno spazio a tutti coloro che vogliono proporre il proprio progetto attraverso il sistema delle produzioni dal basso.” Produzioni dal basso è gratuita ed ogni proposta viene gestita in modo autonomo e senza alcuna intermediazione.

Ulule è una piattaforma con un’interfaccia semplice e intuitiva dedicata al finanziamento di progetti creativi e innovativi, ricevendo ricompense esclusive. 2166 progetti creativi e innovativi sono stati già finanziati in 54 paesi , grazie al supporto della comunità on line di 162 paesi.

GoFundMe molto semplice e innovativo è un sito di crowdfunding che si distingue dagli altri per la creazione di una pagina web dedicato al proprio progetto che sarà possibile condividere e distribuire in giro per il web.

 

(Fonti: Che Futuro, Wired Italia, Zeta Works)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 8 = zero